1. Home
  2. ››
  3. Blog
  4. ››
  5. La procedura per attivazione voucher INPS

La procedura per attivazione voucher INPS

inps italia

Sinteticamente, si potrebbe dire che la questione voucher INPS è, dapprima, uscita dalla finestra, per poi fare un clamoroso rientro dalla porta. Infatti, il Governo tramite un decreto che era entrato in vigore a marzo del 2017, ha, di fatto, abrogato gli articoli presenti nel Jobs Act, i quali, disciplinavano l’uso dei “voucher Inps”.

A seguito di malumori e critiche derivanti da questa mossa, tramite l’approvazione di un emendamento, sono stati introdotti, a seguito del Decreto Legge 50/2017, i nuovi voucher Inps.

Nella sostanza delle cose, per quanto riguarda la retribuzione a seguito di lavoro occasionale vi sono due modalità di retribuzione nuove. Per le imprese esiste “PrestO”, mentre per il tradizionale lavoro domestico vi è il “Libretto Famiglia”. Ogni dettagliata modalità di attivazione è indicata sul sito dell’INPS.

 

Differenze e finalità dei voucher INPS

Se la finalità è rimasta immutata, vi sono, tuttavia, varie differenze. Infatti, tanto il “Libretto Famiglia”, quanto “PrestO”, potranno essere utilizzati esclusivamente tramite un acquisto che avverrà in modalità telematica. Inoltre è prevista, anche, la registrazione sia del prestatore sia del committente.

Quindi, il lavoratore occasionale potrà trovato accreditata la cifra spettante entro il quindici del successivo mese. Per ogni altro approfondimento sulla attivazione di “Libretto Famiglia” o di “PrestO”, si rimanda al portale dell’INPS.

inps

 

Cosa succede ai vecchi voucher INPS?

Ovviamente, l’INPS, ha dovuto, anche, far fronte ad un certo periodo d’interregno, ovvero ha dovuto preoccuparsi all’esigenze di chi aveva provveduto ad acquistare quelli che sono, oggi, i vecchi voucher Inps. Infatti, chi è in possesso di questi voucher Inps acquistati entro il diciassette marzo del 2017, li potrà comunque, tranquillamente, utilizzare.

In pratica, i datori di lavoro quali, ad esempio, committenti pubblici, imprenditori agricoli come pure quelli operanti in ogni altro settore, imprese familiari, enti senza fini di lucro e famiglie, possono servirsi di questi voucher Inps fino al 31 di dicembre del 2018. Le categorie che possono essere retribuite tramite i voucher INPS 2017, sono, ad esempio, lavoratori extracomunitari, lavoratori part-time, studenti e pensionati.

Utilizzabili, pertanto, esclusivamente, in tutte quelle tipologie lavorative dirette tra chi è prestatore e chi è l’utilizzare finale, i voucher Inps dovranno essere attivati dal committente tramite una comunicazione da effettuare presso il competente ispettorato del lavoro. Questo dovrà avvenire, per lo meno sessanta minuti prima che sia iniziato il lavoro.

La comunicazione relativa ai dati del prestatore, ossia i relativi dati anagrafici e codice fiscale, potrà avvenire tramite una forma telematica e, quindi, per mezzo della posta elettronica oppure via sms. Questo, è necessario al fine di avere una tracciabilità relativa ai voucher Inps, proprio per contrastare ogni tipo di uso illegittimo e relativo abuso.

Per chi non rispetta tale obbligo, è prevista, dalla apposita normativa, una sanzione pecuniaria che può oscillare dai 400 euro per arrivare fino ai 2.400 euro. Si rammenta, poi, che ogni datore di lavoro, per evitare sanzioni, è obbligato a chiedere al prestatore di lavoro una dichiarazione con la quale si attesti che non sono stati superati i previsti importi massimi. In conclusione, l’attivazione relativa ai voucher Inps 2018 è telematica e dovrà avvenire tramite il sito Inps.